Google Website Translator

sabato 24 marzo 2012

Risorse per autori: depositare un'idea

Poichè diversi mi chiedono come fare, spiego anche qui come faccio io per  depositare una mia idea in modo semplice ed economico, in modo da garantire il mio diritto d'autore o, in ogni caso, definire con DATA CERTA il momento in cui l'idea l'ho avuta.
Come sapete è prevista una procedura presso la SIAE, oppure attraverso l'azione di un notaio, ma sono ambedue procedimenti costosi.
La cosa più semplice, invece, è recarsi ad un Ufficio Postale e richiedere LA DATA CERTA sul documento che ci interessa.
Cioè, supponiamo di avere l'idea per un fumetto che vogliamo sottoporre ad un Editore. E' logico che, poichè l'idea sembra buona e originale, vogliamo tutelarci e fare in modo che, una volta raccontata, l'idea non ci venga in qualche modo sottratta e utilizzata da altri senza coinvolgerci.
In tal caso scrivo l'idea su un foglio o più, spiegandola per bene, e indicando me stesso come autore. Poi la stampo (basta una copia).
Poi vado, come dicevo, all'Ufficio Postale (uno qualsiasi) e chiedo all'impiegato allo sportello di apporre la DATA CERTA sul documento.
Probabilmente  vi chiederanno di compilare un modulo (una volta non serviva, ma adesso in alcuni uffici lo chiedono). Poi si acquista un francobollo per posta prioritaria (60 centesimi) da incollare SU OGNI FOGLIO del documento che vogliamo far vidimare.
Fatto questo l'impiegato timbrerà il foglio (o ciascun foglio del documento) con un timbro a data e quella sarà la DATA CERTA in cui il documento è stato redatto e poi ce lo restituirà.  In quel caso, infatti,  l'impiegato postale agisce come pubblico ufficiale e il timbro con la data ha a tutti gli effetti valore legale e dimostrativo (come ce l'ha, per esempio, una raccomandata). Ovviamente il documento bollato e timbrato andrà conservato con cura.
Se qualcuno userà la vostra idea dopo quella data, potrete facilmente dimostrare che voi l'avete avuta per primi.

Alcune precauzioni: Ovviamente se il documento consta di molte pagine, vi conviene stamparlo in caratteri piccoli per ridurre i fogli su cui apporre il timbro e risparmiare sui francobolli (0,60 Euro per pagina).

Assicuratevi che il francobollo sia incollato SOPRA il testo, per dimostrare che il testo è preesistente all'incollaggio (basta che copra anche una parte del testo).
Infine verificate che la data sul timbro sia leggibile. Normalmente l'impiegato stampa il timbro sopra il francobollo per annullarlo. Anche il timbro dovrebbe coprire in parte il testo. Inoltre fate apporre il timbro anche su un'area bianca perchè sia ben leggibile.

Questo è tutto.

C'è da dire che il possesso di un'idea non ci garantisce del tutto che quell'idea non verrà utilizzata da altri.
Sappiamo infatti che ormai tutto è stato scritto e pensato ed è ben difficile creare qualcosa di veramente originale. Talvolta infatti basta modificare qualcosa per trasformarla in qualcos'altro. Tutti noi ci "ispiriamo" a cose altrui per generarne di nuove che sentiamo nostre, per cui  occorre sempre essere elastici, consapevoli e ragionevoli e tenere presente che, qualche volta, la stessa idea possono averla più persone insieme e nello stesso tempo.
In questo caso la faccenda si chiama "sfiga" e purtroppo non c'è bollo che tenga!



Nessun commento:

Posta un commento